Per info e prenotazioni: 0874312312

Al Gemelli Molise è operativa la più innovativa piattaforma interventistica guidata dalle immagini

Al Gemelli Molise di Campobasso una piattaforma interventistica guidata dalle immagini di nuova generazione, chiamata Azurion, primo dispositivo presente in una struttura ospedaliera italiana, con questa innovativa configurazione.

Negli ultimi decenni le pratiche cliniche in tutto il mondo si sono evolute per eseguire con successo procedure complesse, nel modo più sicuro, efficace e meno invasivo possibile, migliorando le performance interventistiche, attraverso uno standard di cura superiore.
L’introduzione di procedure chirurgiche mininvasive è, così, cresciuta notevolmente nel corso degli anni, soprattutto in ambito cardiologico, interventistico oncologico, neurologico e della chirurgia vascolare, dando vita a un segmento ospedaliero completamente nuovo, la sala operatoria “ibrida”, che include dispositivi di imaging, che permettono al chirurgo di utilizzare sia tecniche operatorie tradizionali, che minimamente invasive.

In quest’ottica, la nuova piattaforma interventistica presente al Gemelli Molise è un dispositivo all’avanguardia, che permette una visione più accurata e una migliore definizione delle immagini, esponendo il paziente ed il personale medico sanitario a una minore quantità di radiazioni. Per il nuovo angiografo , infatti, sono state sviluppate tecnologie che consentono una “navigazione” senza la necessità di usare la fluoroscopia. Il nuovo software operativo di Azurion, poi, consente una migliore integrazione delle informazioni del paziente in tempo reale, accessibili dai medici attraverso un semplice touch screen.

“Attraverso questa nuova apparecchiatura – dichiara il Professor Massimo Massetti, Direttore del Dipartimento Malattie Cardiovascolari del Gemelli Molise – è possibile vedere contemporaneamente sullo stesso schermo immagini del paziente tratte da più fonti (come ecografie, Tac, ecc.). In questo modo è come se il dispositivo creasse una ‘mappa di navigazione’ in grado di guidare l’operatore nella procedura in modo quasi millimetrico, più sicuro e rapido. Ma l’elemento veramente rivoluzionario nel progresso dell’imaging è quello di avvicinare il medico alla visione tridimensionale, anche di un organo in movimento, come il cuore”.

I campi di applicazione della nuova piattaforma interventistica Azurion sono diversi.

“La cardiologia interventistica per il trattamento della cardiopatia ischemica – dichiara il Dottor Bindo Missiroli Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Cardiologia ed Emodinamica del Gemelli Molise – è una delle prime aree terapeutiche interessate dalle sale angiografiche. Oltre a interventi coronarici percutanei (angioplastiche), è possibile eseguire trattamenti sulle valvole cardiache, come la stenosi aortica, attraverso una procedura chiamata TAVI (trattamento percutaneo della valvulopatia aortica), che permette di intervenire anche su persone anziane o con comorbilità, che non potrebbero essere sottoposte a un intervento chirurgico tradizionale.”

Importante ricordare, inoltre, la possibilità di effettuare trattamenti sulla valvola mitralica, o alcuni difetti congeniti come le anomalie del setto interatriale, membrana che separa l’atrio destro da quello sinistro.

Sempre in ambito cardiologico, grazie alla nuova piattaforma interventistica, possono essere eseguite, con i massimi standard di sicurezza, procedure altamente complesse inerenti il trattamento delle aritmie cardiache e gli impianti, con successivo management, di dispositivi cardiaci elettronici (pacemaker/defibrillatori automatici), problematiche di competenza dell’Unità Operativa di Elettrofisiologia diretta dal Dottor Matteo Santamaria. Le procedure per le quali la nuova piattaforma sarà particolarmente utile in ambito elettrofisiologico sono rappresentate da impianti di defibrillatori automatici biventricolari per la terapia di resincronizzazione cardiaca in pazienti affetti da scompenso cardiaco, ablazioni transcatetere di subtrati aritmici complessi (fibrillazione atriale, tachicardie ventricolari) mediante mappaggio elettroanatomico, anche con approccio ibrido endo-epicardico (superficie interna ed esterna del cuore), ed estrazione transvenosa di elettrocateteri endocardici in caso di infezione o malfunzionamento degli stessi. In particolare, per queste ultime due categorie di procedure (ablazioni complesse, estrazioni transvenose), la nuova piattaforma consentirà un approccio multidisciplinare con il coinvolgimento contemporaneo di più professionisti (elettrofisiologo, cardiochirurgo, anestesista) finalizzato ad ottimizzare l’efficacia e la sicurezza dell’intervento chirurgico.

Anche la Chirurgia Vascolare, diretta dal Dottor Pietro Modugno, trae grande giovamento dal nuovo concetto di sala operatoria ibrida. Per trattare le patologie di tutti i vasi del corpo umano (aorta, carotidi, arterie delle gambe, renali, ecc.) il chirurgo vascolare può scegliere, a seconda delle caratteristiche del paziente, di eseguire un intervento tradizionale (open), o accostarsi al trattamento mininvasivo. La versatilità della nuova piattaforma interventistica, infatti, prevedere la presenza di un anestesista che consente l’esecuzione di procedure complesse, che necessitano di una sedazione.

La nuova sala angiografica estende le opportunità terapeutiche offerte dalla Radiologia Interventistica, diretta dal Professor Roberto Iezzi, una branca ultraspecialistica della radiologia, in grado di produrre gli stessi risultati clinici di un intervento chirurgico tradizionale, in modo molto meno invasivo.

Il campo di applicazione di questa disciplina è pressoché illimitato, e rappresenta un’opzione di trattamento consolidata e documentata per i pazienti oncologici, affiancando, senza contrapposizioni, le altre possibili soluzioni. L’indicazione a tali procedure viene discussa in ambito di tumor board multidisciplinari, in cui si valuta la possibilità di coniugare tutte le opzioni terapeutiche disponibili, in accordo con l’equipe chirurgica ed oncologica.

“Con la maggior accuratezza di navigazione all’interno dei vasi e di definizione del target terapeutico, permesse dalla nuova piattaforma interventistica – dichiara il Professor Iezzi – sarà possibile potenziare le attività di termoablazione e chemioembolizzazione per patologie tumorali, e tutte le procedure su patologie biliari o urinarie. Sarà, inoltre, possibile effettuare procedure di embolizzazione della prostata in pazienti con ipertrofia prostatica e sintomatologia urinaria, dei fibromi, delle emorroidi – se sintomatiche con episodi di rettorragia – o per dolori alle articolazioni maggiori (ginocchio, spalla, gomito), che non rispondono alla terapia farmacologica”.

Un’altra area di applicazione di questa nuova tecnologia è la terapia del dolore, che riveste un ruolo assai importante nella moderna anestesiologia. In ambiente angiografico si praticano trattamenti loco regionali specifici con farmaci antidolorifici che, oltre ad essere particolarmente efficaci, non gravano sullo stato di vigilanza del paziente rispetto a un trattamento sistemico.

Con l’auspicio che anche il Gemelli Molise, come tutte le Aziende Ospedaliere del nostro Paese, non si debba trovare nuovamente nella necessità di riconvertire reparti e personale medico sanitario per l’emergenza pandemica, si stima che il numero di pazienti che potranno giovare di questa nuova tecnologia nelle diverse aree terapeutiche citate sia tra i 3.500 e 4.000 l’anno, facendo diventare questo presidio ospedaliero un punto di riferimento all’avanguardia per tutto il Centro-Sud, in grado di rispondere in modo evoluto alle esigenze terapeutiche dei clinici e dei loro pazienti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *